Bioscalin per la perdita dei capelli, cosa ne pensate

In farmacia o erboristeria uno dei prodotti più venduti per combattere la perdita dei capelli o per rinforzarne il fusto mantenendoli in salute è Bioscalin. Si tratta di un prodotto della Giuliani già presente in Italia da diversi anni. Viene venduto sia in fiale da applicare sui capelli che in capsule da prendere in bocca.

Che cos'è Bioscalin:
innanzitutto non è un farmaco visto che viene venduto senza ricetta medica, possiamo definirlo un integratore multivitaminico che presenta molti altri componenti come la cronobiogenina (molecola brevettata dalla Giuliani che favorisce la fase di crescita dei capelli), carotenoidi e bioflavonoidi come la Rutina che rinforza la parete dei capillari.

Bioscalin è indicato nei periodi di perdita eccessiva di capelli non di tipo Telogen effluvium, ovvero non quando la calvizie ha origine ormonale per rinforzare il fusto quando sono opachi, fini e si spezzano facilmente con fragilità.



Cosa ne pensi di Bioscalin?
può essere un ottima soluzione per frenare la caduta di capelli stagionale, che avviene soprattutto nei periodi settembre-ottobre-novembre o con l'arrivo della primavera. Il ciclo di applicazione deve essere limitato e non ripetuto costantemente nel tempo.
I prezzi "abbastanza" economici ne hanno favorito il successo: una scatola da 30 compresse valida per un mese di trattamento costa circa 25 euro.

Alternative a Bioscalin: prodotti simili, concorrenti a quelli della Giuliani sono i Vichi Dercos, flaconi monodose da applicare sui capelli per arrestarne la perdita contenenti ARGININA (aminoacido che stimola in maniera endogena a rilasciare l'ormone della crescita) e aminexil, molecola che combatte la calvizie simile al minoxidil presente però in concentrazione minore.

Metil Sulfonil Metano detto anche MSM: si prende come integratore per i capelli, si tratta della forma naturale dello zolfo organico rintracciabile nel latte e nei formaggi, nella frutta, verdure e carne e pesce. Dovrebbe accellerare la crescita dei capelli.

Hair Formula della Longlife: è un integratore che contiene tra gli altri zinco, ferro, manganese e rame e vari aminoacidi che stimolano la crescita di capelli.

Lievito di birra: si assume in pasticche e rinforza pelle, unghia e capelli.

Altri Prodotti consigliati in alternativa:
L'Oreal Expert Professionnel cura Capillare : rallenta la caduta, anche se non la ferma del tutto. Tutto sommato un ottimo prodotto specialmente se rapportato al prezzo modesto, lo trovate in offerta su Amazon. Si applica direttamente sui capelli e li rinforza.

Trapianto Capelli Celebrità

Moltissime celebrità, star del cinema, della tv o dello sport hanno sofferto di una perdita dei capelli precoce colmata successivamente con un trapianto. Le ricrescite miracolose più famose sono state quelle del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e dell'attuale allenatore della Juventus Antonio Conte. Andate e vedere le foto prima e dopo l'intervento e vi accorgerete della notevole differenza nella capigliatura.

Il fenomeno però non ha coinvolto soltanto i vip nostrani. Moltissime star di Hollywood sono ricorse al trapianto dei capelli. I casi più famosi sono quelli di Mel Gibson, Jude Law, Nicolas Cage e qualcuno parla anche di John Travolta. Anche Elton John è ricorso ad un autotrapianto. Negli anni 80 si presentava in pubblico con un parrucchino, ma oggi sfoggia un'invidiabilissima chioma, merito dell'innesto di almeno 10mila bulbi.

Consigli per un trapianto dei capelli:
l'appello che arriva da molti chirurghi è quello di non ricorrere all' autotrapianto se non si sono raggiunti almeno i 30 anni. O meglio non effettuarlo prima che si sia arrestata l'alopecia o la perdita dei capelli. Si rischia di innestare bulbi in una zona vuota e poi trovarsi "buchi" in altre. Terminato il processo di caduta si può pensare all' innesto sempre che sia disponibile una zona detta "donatrice", solitamente situata nella nuca, da cui prelevare bulbi piliferi sani.
Prima di prendere in opzione il trapianto cerchiamo di capire poi se si tratta solo di una perdita stagionale dei capelli che accade solitamente in primavera o autunno.


Come si effettua un trapianto di capelli:
le tecniche sono due: FUSS (Follicular Unit Strip Surger) e TUF (trapianto di unità follicolari o in inglese FUE).
Dalla nuca, la zona donatrice, con il metodo Fuss viene prelevata una striscia di pelle con i bulbi piliferi che andrà a "ripopolare" le zone vuote tramite innesto.
Il metodo Fue invece è più lungo. Viene preso un bulbo alla volta dalla zona donatrice ed innestato nelle zone in cui c'è bisogno del ripopolamento.

Prezzi:
dipende da quanto è vasta la nostra calvizie. Per mille innesti si spendono circa 2mila euro. Ovviamente dipende anche dal professionista che esegue l'intervento e dalla città in cui opera. A Napoli o a Palermo i prezzi sono probabilmente più bassi rispetto al nord Italia in città come Torino, Brescia o Verona.